martedì 10 luglio 2012

Blatte napoletane più fotogeniche che altrove. Reale emergenza o sensazionalismo?

Altra emergenza igienica a Napoli: le blatte rosse. Che mai si porrebbe se i tombini fossero puliti costantemente durante il corso dell’anno. Insomma, un problema di prevenzione che a Napoli, si sa, è sempre carente. Sul sito del Comune è pubblicato il programma degli interventi di disinfestazione ma intanto il problema c’è, anche se a macchia di leopardo e non in tutto il territorio. Detto questo, è evidente l’ennesimo accanimento nei confronti della città. Telegiornali e quotidiani nazionali stanno dedicando ampio risalto alla notizia, con il solito conseguente danno di immagine. E così abbiamo scoperto che anche le blatte rosse napoletane fanno più notizia di quelle delle altre città dove pure si divertono a mettere le tende. Lo scorso anno, in piena emergenza rifiuti, di blatte ce n’erano molte di più mentre ora l’immagine proiettata è quella di un’emergenza tutta nuova che assume i connotati dell’invasione. Non risulta che dodici mesi fa vi sia stata alcuna epidemia causata della loro “pittoresca” presenza, mentre ora pare come se la pandemia fosse dietro l’angolo. “Pericolo tifo ed epatite A”, questo lo strillo mediatico tratto dall’allarme che avrebbero lanciato i cosiddetti e fantomatici “esperti” che però non si sa chi siano. Per l’epidemiologo Donato Greco invece non ci sono problemi per la salute: “Questi insetti non sono associati alla trasmissione di malattie infettive a ciclo orofecale per il semplice motivo che anche se entrano in contatto con materiali fecali contenenti virus e batteri, non ne facilitano la moltiplicazione”. Strade sporche e recenti problematiche sparse più o meno gravi anche a Roma, Milano, Salerno, Bari, Firenze, Conegliano e altrove. Tenerife e tutte le Canarie sono piene di blatte, nessuna prevenzione perchè li, dicono, fanno parte della fauna locale; eppure isole sempre piene di turisti che si stupiscono quando le vedono di persona girare in massa per ogni strada (come chi scrive, n.d.r.). Non si sa se ci sono più scarafaggi o più turisti, e questo perchè nessuno fa cattiva pubblicità alle Canarie. Tutti casi che non hanno fatto e non fanno notizia come a Napoli. Il caldo porta anche questi problemi che potrebbero essere risolti con una buona manutenzione dei tombini e pulizia delle strade che spesso nelle città italiane mancano. È noto che Napoli non si sottrae mai a questi inconvenienti; ma che le blatte napoletane fossero più fotogeniche delle altre ci sfuggiva.di Angelo Forgione

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...