mercoledì 19 settembre 2012

Mediglia - «Quella ciclopedonale è una striscia d’erba»

Una pista ciclopedonale che assomiglia sempre più a un prato all’inglese. E’ quella che affianca la provinciale 159 Sordio-Bettola da Triginto alla frazione Robbiano.
Costruita più di dieci anni fa, oggi si è ridotta a un rigagnolo d’asfalto pieno di crepe in mezzo a due lingue di erba che avanzano sempre più. In vista dell’autunno e dell’inverno, si pone il problema di una situazione che potrebbe rendere completamente inservibile il corridoio di mobilità alternativa che permette di spostarsi fra le frazioni che compongono l’articolato territorio di Mediglia. Ma la manutenzione dipende tutta da un’altra opera di valore strategico, la posa del semaforo ciclopedonale di Robbiano per risolvere il problema di collegare l’unico abitato medigliese ad ovest della Sordio-Bettola con il resto dell’urbanizzato. Messo il semaforo, si potrà procedere all’intervento in agenda sulla ciclopedonale che corre per circa tre chilometri da cascina Triginto all’ingresso di Robbiano. «Siamo a conoscenza degli aspetti di cattiva manutenzione evidenziati dai cittadini, e purtroppo sappiamo anche che non costeranno poche centinaia di euro - puntualizza l’assessore ai lavori pubblici Gianni Fabiano - ma le due cose non si possono scindere: la riqualificazione della corsia per bici e pedoni deve essere lo sviluppo logico dell’attraversamento della Sordio-Bettola a Robbiano». Si torna quindi all’autorizzazione strappata alla Provincia di Milano per procedere (con risorse comunali) all’impianto semaforico a chiamata. Un sistema, come ce ne sono tanti ormai, che consente al pedone o al ciclista di fermare il flusso di traffico e sfruttare l’immediato varco di pochi secondi fra le auto. In questo punto della rete stradale fuori Milano l’attraversamento appare decisamente necessario, considerando che la provinciale 159 è una delle principali vie del rientro pendolare dal capoluogo lombardo e ora come ora ci si “butta” in mezzo, benchè esistano le strisce. L’amministrazione di Mediglia è stata autorizzatadall’assessorato ai trasporti di palazzo Isimbardi a procedere all’installazione del semaforo a chiamata nelle due carreggiate della Sordio-Bettola. L’opera dovrebbe andare in porto entro la fine dell’anno, e a quel punto consentire di mettere mano anche ai lavori sulla ciclopedonale. Questi ultimi consisteranno probabilmente nel conservare quanto è possibile e procedere alla posa di un nuovo selciato calpestabile. «Non sarà un intervento semplice - conclude Fabiano - ma faremo quanto possibile in una fase economica difficile».Fonte: Il Cittadino

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...